Academy di ER.I.C.

CePIM e l’Academy di ER.I.C. consolidano i risultati del primo anno di attività

Si è tenuto presso l’Auditorium della Regione Emilia-Romagna mercoledì 27 novembre l’evento “Formazione logistica e intermodalità, competenze e professionalità a supporto del settore”, oggetto della tavola rotonda promossa dal ER.I.C. (Emilia Romagna Intermodal Cluster) coordinata dalla Fondazione ITL a cui hanno preso parte esperti e referenti dei nodi logistici intermodali della regione, delineando criticità e prospettive di sviluppo del trasporto ferroviario e declinando le esigenze in termini di skills e competenze necessarie per l’inserimento in questo specifico mercato.

L’iniziativa, si è posta a chiusura del primo anno di attività della Corporate Academy di rete del Cluster ER.I.C., network di operatori che rappresenta i principali nodi intermodali della regione Emilia-Romagna che, sotto l’egida dell’Amministrazione regionale ha identificato come ambiti prioritari di lavoro il tema dell’internazionalizzazione e della formazione, aspetti di comune interesse per promuovere un sistema di trasporti sostenibile e competitivo e volto all’incremento dell’intermodalità.

Il tema, di prioritario interesse per il pianificatore regionale, pone al centro la creazione di nuovi profili professionali in grado di corrispondere alle esigenze di un mercato sempre più dinamico ed in piena evoluzione quale è quello della logistica e dei trasporti, che in regione presenta il trend di maggior crescita di occupati nel periodo 2011-2018 (+22%). Settore sempre più orientato alla diffusione di modelli di trasporto efficienti ed evoluti, dove alle conoscenze dello specifico ambito, si aggiungono l’implementazione di nuove tecnologie e l’interazione con il mercato globale, elementi che determinano una necessaria qualificazione del sistema delle competenze.

La particolarità dei due percorsi formativi che l’Academy del Cluster ha avviato nel primo anno di attività e realizzati grazie al co-finanziamento regionale, è stata quella di dar vita a 2 nuovi profili  professionali in ambito tecnico-operativo (Terminal Operator) e manageriale (Intermodal Terminal Manager) con specifiche conoscenze sul segmento della logistica ferroviaria, sullo sviluppo di nuovi servizi intermodali e con un occhio attento sulle dinamiche di evoluzione e integrazione del business di questo mercato. Figure, in grado di inserirsi nei processi aziendali e di supportare il presidio delle dinamiche di interazione con clienti/fornitori e con i competitor del mercato.

La giornata oltre che essere un momento di sintesi sul lavoro svolto è stato un momento celebrativo di consegna degli attestati di qualifica conseguiti dai corsisti che hanno portato a termine con esito positivo la loro esperienza formativa. Dei 24 studenti, a poco più di 1 mese dal termine dell’esperienza d’aula, circa il 60% dei corsisti ha già ottenuto proposte di collaborazione nello specifico settore di specializzazione.

A chiusura dei lavori è intervenuto il Vicepresidente e Assessore ai trasporti, della Regione Emilia-Romagna, Raffaele Donini, che ha anche proceduto alla contestuale consegna degli attestati

L’iniziativa è stata occasione per la realizzazione di un local event del progetto europeo New Brain.

IMG_20191108_133850_1

CePIM: Formazione, logistica e intermodalità

CePIM promuove e sostiene le attività formative perché crede fortemente nella preparazione dei dipendenti e dei giovani. Da anni l’Interporto di Parma collabora con vari enti di formazione per dare vita a progetti accademici che coinvolgono gli studenti anche con tirocini formativi sul campo.

Quest’anno, CePIM, insieme ad ER.I.C. (Emilia-Romagna Intermodal Cluster), ha dato vita ad una Accademy specifica nei settori di logistica e trasporto. Terminal Operatore e Intermodal Terminal manager sono le due qualifiche rilasciate al termine del percorso di studi.

Per raccontare il percorso di ideazione e realizzazione che ha preceduto il progetto e creare un confronto sui temi della formazione e della logistica, CePIM parteciperà mercoledì 27 novembre alle ore 15.00 presso l’Auditorium della Regione Emilia-Romagna alla Tavola rotonda “Formazione, logistica e intermodalità: competenze e professionalità a supporto del settore”, durante la quale i referenti dei principali nodi intermodali della Regione Emilia- Romagna si confronteranno con istituzioni ed esperti del settore sulle iniziative formative promosse da ER.I.C.

L’Academy del Cluster è nata con la finalità di promuovere e supportare lo sviluppo di nuove professionalità, per contribuire alla qualificazione e alla crescita del settore logistico-produttivo e intermodale della regione, grazie alla costituzione di un bacino di competenze altamente specializzate in grado di incentivare la spinta al rinnovamento che il mercato richiede per lo sviluppo della competitività del settore. Tale iniziativa, realizzata in collaborazione con la Fondazione Istituto sui Trasporti e la Logistica e supportata dalla Regione Emilia-Romagna, ha recentemente ricevuto il premio come “Logistico dell’Anno 2019″.

Prenderanno parte alla Tavola rotonda: Giuseppe Acquaro, Amministratore Delegato Terminali Italia, Luigi Capitani, Presidente e CEO CePIM SpA – Interporto Parma, Sergio Crespi, Direttore Generale Interporto Bologna Spa, Gino Maioli Presidente Dinazzano Po, Guido Nicolini, Amministratore Delegato Terminal Rubiera-Logtainer, Daniele Rossi, Presidente, Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro settentrionale, Piero Solcà, Presidente Consiglio di Amministrazione HUPAC Spa, Paolo Righetti, Presidente, Centro di Formazione Ferroviaria di Bologna.

Chiuderà i lavori il Vicepresidente e Assessore ai trasporti, reti, infrastrutture materiali e immateriali, programmazione territoriale e agenda digitale, Regione Emilia-Romagna.

Nell’occasione verranno consegnate le qualifiche conseguite dagli studenti dei Corsi: Terminal Operator e Intermodal Terminal Manager.

L’evento è aperto al pubblico, previa iscrizione a cui si può procedere direttamente dal seguente link: http://bit.ly/370nL2u

Per info: bologna@fondazioneitl.org

IMG_20191114_132235

CePIM ospita l’Assemblea Europlatforms e guarda verso i mercati emergenti

Si è svolta ieri, giovedì 14 novembre presso UPI, l’annuale Assemblea Generale di Europlatforms, l’associazione europea che rappresenta e difende l’interesse delle piattaforme logistiche europee all’interno dell’unione. Raggruppa le realtà logistiche e trasportistiche europee per creare confronti e tavoli di discussione al fine di allineare le piattaforme e ideare strategie univoche e proficue per la crescita e lo sviluppo delle singole realtà. Europlatforms ritiene che i centri logistici siano la chiave per uno sviluppo efficiente della catena logistica europea. Durante l’assemblea sono stati nominati il nuovo Presidente, Isabel Velasco, è stato confermato vicepresidente Luigi capitani e nominato segretario generale Jesús Prieto.

Successiva all’Assemblea, CePIM SpA – Interporto di Parma ha organizzato un workshop per analizzare, insieme ai membri di Europlatforms, le istituzioni e il mondo accademico, la situazione logistica europea attuale, ma con uno sguardo anche verso i nuovi mercati emergenti del Far East. Questo per evidenziare gli sviluppi ed i trend futuri individuando un percorso “più italiano” dei traffici che coinvolgono non solo l’Europa, ma anche la Silk Road.

«Oggi più che mai – ha detto l’Ing. Capitani – è fondamentale aprire le proprie società e avere uno sguardo verso l’estero. Rimanere arroccati sulle proprie posizioni non contribuisce allo sviluppo, al contrario invece occorre definire una rete di connessioni, interagire con altre realtà e collaborare per ideare strategie vincenti e innovative». Cesare Azzali, direttore dell’Upi, ha sottolineato il valore dell’incontro: «Iniziative come quella odierna consentono di ottimizzare la capacità di gestione e sostegno alla competitività del sistema economico europeo attraverso adeguate scelte strategiche in campo logistico». Paolo Ferrecchi, direttore generale della Regione Emilia-Romagna, ha evidenziato il bisogno di guarda verso la Silk road per coglierne opportunità e vantaggi: migliorare le infrastrutture stradali e ferroviarie, la connettività delle reti di trasporto, i collegamenti con i porti e favorire le collaborazioni internazionali.
Mauro Calzetti ha illustrato le peculiarità del progetto formativo Erasmus+ “Simultra”, mentre Andrea Bardi, direttore generale di Itl ha quindi analizzato i trend e le prospettive della logistica in Italia e in Emilia-Romagna. A seguire c’è stato lo slot dei relatori esteri con le testimonianze di Pablo Hoya (Spagna), Kent Bentzen (Danimarca) e Manuel Francisco Matinez (Portogallo).

Ha concluso i lavori l’Ing. Capitani affermando che “è importante organizzare questi momenti di confronto perché insieme abbiamo evidenziato le opportunità e le criticità legate ai nuovi mercati. Sicuramente occorre sottolineare che è necessario incrementare le infrastrutture attuali e massimizzare lo sforzo verso la digitalizzazione dei nostri hub. A livello europeo l’ideale sarebbe quello di realizzare qualcosa di usufruibile da tutte le piattaforme”.