Posts

erasmus + simultra

CePIM Interporto di Parma: Erasmus + e Simultra

This project has been funded with the support of the Erasmus+ programme of the European Union SIMULTRA 2017-1-IT01-KA202-006140

CePIM Interporto di Parma e altre realtà logistiche hanno iniziato il progetto Simultra, all’interno del progetto Erasmus+.

Il progetto mira a realizzare sei strumenti di simulazione, dedicati alle principali attività del settore, che replichino le procedure operative di tali ambiti, al fine di permettere a studenti e tirocinanti di svolgere le mansioni pratiche, tipiche e quotidiane che poi si troveranno ad eseguire sul posto di lavoro. L’obiettivo di fondo è chiaramente quello di facilitare l’inserimento lavorativo di tali figure professionali, riducendo il gradino che separa la formazione e l’istruzione dalla concreta operatività aziendale.

Gli strumenti, che saranno realizzati saranno elemento di completamento degli attuali corsi di istruzione e formazione, e hanno il vantaggio di essere attrattivi per le generazioni più giovani, in quanto saranno realizzati in forma di “videogioco”, con scenari, punteggi e livelli di difficoltà, avvicinandosi quindi alle abitudini e alle tecnologie odierne, specialmente per i giovani.
Gli strumenti faranno riferimento a sei aree di attività: gestione della filiera logistica, trasporto intermodale, trasporto marittimo e attività portuali, pratiche doganali, trasporto su strada, logistica di magazzino. Per ciascuno di questi ambiti verranno descritti in dettaglio i processi, le operazioni, le tempistiche, i soggetti con cui relazionarsi, gli strumenti e la documentazione a disposizione, al fine di progettare strumenti di simulazione o software interattivi che replichino fedelmente la mansione svolta dai professionisti del settore.

l’unione di tutte le realtà presenti nel progetto permetterà uno studio approfondito dei processi che si vorranno evidenziare e la completezza dello strumento finale.

 

Visita il sito del progetto SIMULTRA http://www.simultra-project.eu/

 

SIMULTRA_ENG

SIMULTRA_ITA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Cepim cammina con la San Cristoforo

CePIM – Interporto di Parma ha deciso di rinnovare anche quest’anno la collaborazione con l’associazione San Cristoforo offrendo gratuitamente il proprio spazio per stoccare i beni prima della distribuzione. Spazio per il deposito ma anche servizi logistici, come la movimentazione, il trasporto delle merci e la gestione degli ordini. Si tratta di una convenzione stipulata un anno fa e rinnovata nuovamente per l’anno a venire.

“Cepim crede fermamente nella promozione del nostro territorio, sostenendo iniziative per il bene della nostra comunità. Questa è solo una delle tante attività che portiamo avanti; responsabilità sociale non solo nell’ambito della solidarietà ma anche della cultura e della formazione dei giovani” dice Luigi Capitani Amministratore Delegato di CePIM SpA – Interporto di Parma.

Avere un luogo dove stoccare i beni alimentari è fondamentale per contrastare ogni spreco ed evitare che il cibo finisca al macero e non su una tavola apparecchiata. Spesso i beni alimentari arrivano in dono da aziende o supermercati, perché non più idonei al commercio. Sono brutti ma buoni e rischiano di essere scartati solo perché hanno confezioni danneggiate, etichette scolorite o perché troppo prossimi alla scadenza per essere venduti. L’associazione li fa arrivare all’Interporto. Da lì, operatori e volontari li smistano fra i propri utenti e altre quattordici associazioni. E’ un circolo virtuoso che ogni anno movimenta 80 tonnellate di cibo.

 

Leggi l’articolo

MSC Oliver (built 2015) 19,224 TEU, Aarhus port

Progetti e investimenti per CePIM – Interporto di Parma

Da inizio anno CePIM – Interporto di Parma ha reso operativi alcuni fast corridor tra l’interporto e il porto di La Spezia. Si tratta di corridoi controllati per il trasporto efficiente delle merci attraverso semplificazioni logistiche e doganali che permettono di espletare, senza sostare nei porti, tutte le pratiche presso la dogana dello stesso interporto, con evidente risparmio di tempi e costi.

In particolare ha provveduto e portato a termine con successo le attività in fast corridor per conto di MSC. Sono programmati, al momento, consistenti arrivi mensili di materie prime dalla Russia destinati al mercato italiano, con lotti da oltre 70 containers per nave in corridoio doganale.

Al fine di rendere più agevoli e competitivi, su ferro e su gomma, i trasporti da e per l’interporto, CePIM sta ulteriormente investendo sia su opere infrastrutturali interne, come ad esempio l’avvio del progetto per la realizzazione di nuove importanti strutture terminalistiche, che con la realizzazione della Ti-Bre e del tratto ferroviario Pontremolese che permetteranno un incremento del traffico merci da e per l’interporto parmigiano. Quest’opera segnerebbe “importanti prospettive di crescita per l’interporto che ha ben operato in questi anni ma che da queste opere riceverebbe un evidente impulso” come citato nel rapporto della 72° assemblea UPI. Tutte queste attività sono funzionali e necessarie per continuare a migliorarsi e crescere.

“In tal senso siamo lieti che il Presidente Figna, durante l’annuale assemblea UPI, abbia evidenziato gli sforzi tra quelle realtà che hanno continuato a crescere ed investire – Dichiara l’ing. Capitani AD di Cepim Interporto di Parma – Auspichiamo che i lavori sulla Ti-Bre e sulla Pontremolese vengano portati a termine nel più breve tempo possibile e che siano la leva giusta per continuare la crescita del nostro territorio”.