Posts

pontremolese

CePIM all’evento Legambiente per la Pontremolese

Sabato 1 giugno CePIM ha partecipato alla giornata per la Ferrovia Pontremolese: dal Tirreno al Brennero un’opera utile per il clima, pendolari, merci e lo sviluppo delle aree interne. Sindaci e parlamentari aderiscono al Manifesto lanciato da Legambiente.

Due carovane simboliche hanno viaggiato in treno dall’Emilia-Romagna e dalla Liguria con l’obbiettivo di incontrarsi a Pontremoli in Toscana. Legambiente ha organizzato questa giornata dedicata alla Ferrovia Pontremolese ed al suo collegamento verso il Brennero. L’iniziativa voleva ribadire l’utilità dell’opera di ammodernamento di questa direttrice per abbattere gli spostamenti su gomma e limitare le relative emissioni. Insieme a CePIM erano presenti sindaci di differenti città e paesi, candidati,  parlamentari e rappresentanti di altri enti.

L’attuale linea “Pontremolese” con i suoi 103 km collega Parma con La Spezia passando per alcuni centri vitali dell’Appennino. E’ per il 50% a binario unico e mostra pendenze elevate che riducono le dimensioni utili di treni, soprattutto quelli per le merci. Eppure la ferrovia ha al suo sbocco uno dei porti più importanti del paese.

La giornata serviva per sostenere le aree interne dell’Appennino agevolando e semplificando lo spostamento di merci sull’asse Tirreno – Brennero. L’ammodernamento del collegamento ferroviario La Spezia-Pontremoli-Parma e il suo collegamento verso Verona ed il Brennero porterebbero infatti indiscutibili benefici.

Per queste ragioni Legambiente ha lanciato un Manifesto a favore della linea: per sottolineare l’urgenza di interventi di ammodernamento della linea Parma La Spezia ai fini di ridurre i tempi di percorrenza per le persone e favorire i convogli merci più moderni, completare il collegamento ferroviario verso il Brennero per unire via ferro i flussi di persone e merci tra il Tirreno ed il Centro-Nord Europa. Treni più efficienti e frequenti verso i due capoluoghi potrebbero inoltre spostare pendolari dalla gomma al ferro riducendo traffico ed inquinamento.

WhatsApp Image 2019-04-09 at 14.07.58

Missione ER.I.C.: il Cluster Intemodale in Assia per stringere nuovi accordi

ER.I.C. – Emilia-Romagna intermodal cluster è stato impegnato in una due giorni di incontri B2B e presentazioni nel Land tedesco dell’Assia, tra Francoforte e Wiesbaden, nelle giornate del 8 e 9 Aprile 2019. Una missione organizzata da Fondazione ITL, in collaborazione con Aster, membro della rete ENN. Le imprese del cluster sono state supportate dal Direttore Generale Cura del Territorio e dell’Ambiente della Regione Emilia-Romagna – Ing. Paolo Ferrecchi.

L’obiettivo della missione è stata la presentazione del Cluster nel cuore del mercato intermodale tedesco per promuovere l’attrattività del sistema delle piattaforme regionali come destinazione finale per i traffici ferroviari europei. Attualmente il cluster movimenta il 90% dei traffici ferroviari regionali per un totale di circa 18 Mil. di Ton all’anno, l’ambizione è di incrementare ulteriormente la quota modale ferroviaria, riducendo il trasporto su gomma, altamente impattante in termini di inquinamento e cogestione sul territorio regionale. Il sistema regionale dotato di ottime ed efficienti infrastrutture per il trasporto intermodale delle merci è già nelle condizioni di ricevere ulteriori importanti quantitativi di merci rafforzando il suo ruolo sul mercato intermodale del nord Italia, anche come risposta alla prossima saturazione di importanti nodi. Il Cluster vuole porsi, inoltre, come valido interlocutore nell’ambito delle attività logistiche inerenti al progetto One Belt One Road.

Il cluster intermodale regionale è stato presentato ad importanti imprese attive nel settore dei trasporti e della promozione territoriale del Land tedesco, tra cui Kombiverkeher, Holm- House of logistic and Mobility ed Hessen Trade & Invest GmbH.

Inoltre, 5 imprese del cluster intermodale regionale: Cepim – Interporto di Parma Spa, Interporto di Bologna Spa, Terminal contenitori Ravenna, Dinazzano Po Spa, Terminali Italia srl hanno partecipato nel pomeriggio del 8-04 ad una sessione di brokeraggio dove hanno incontrato potenziali partner tedeschi in incontri b2b dedicati ad approfondire potenziali partnership commerciali.

Nell’ambito del ventennale protocollo d’intesa tra la Regione Emilia-Romagna e il Land Hessen, nella giornata del 9.04 la delegazione è stata ricevuta da Mr. Mark Weinmeister – Sottosegretario di Stato per gli affari europei e da Mr. Schuster rappresentante del Ministero dell’economia, energia e trasporti per esplorare future aree di collaborazione nell’ambito delle mobilità sostenibile delle merci tra le due regioni.

WhatsApp Image 2019-04-09 at 14.08.51 (1) WhatsApp Image 2019-04-09 at 14.47.08

capitani

Piattaforma Logistica Nazionale: qualche difficoltà ma ormai ci siamo

L’ing. Luigi Capitani, Amministratore Delegato e Presidente di CePIM SpA – Interporto di Parma e Vicepresidente di UIR, racconta i progressi ed il lavoro fatto per sviluppare la Piattaforma Logistica Nazionale, un’opportunità per l’Italia, soprattutto per raccogliere la sfida della Via della Seta per porti e interporti.

“Lo sviluppo logistico e trasportistico italiano deve passare attraverso la coesione perché, oggi, c’è la necessità di comprendere che queste sfide non possono passare attraverso un unico interporto o un unico porto, ma si devono realizzare attraverso reti logistiche intermodali strutturate e coese. Al momento c’è la sensibilità adatta per evitare inutili campanilismi e proseguire il lavoro fatto tutti insieme.”