Posts

news-blank

Clara Lux. A Natale l’arte illumina il Duomo

Hai fotografato il Duomo a Natale? Partecipa alla photogallery e al premio.

L’arte ha illuminato l’arte ancora una volta a Natale, con l’iniziativa che CePIM – Interporto di Parma ha lanciato anche nelle ultime festività.
Sull’onda del successo ottenuto nel 2014 con l’idea dell’installazione luminosa in Pilotta realizzata dall’artista internazionale Marco Nereo Rotelli, CePim ha varato quest’anno, come molti hanno potuto vedere, il progetto “Clara Lux”, che ha “rivestito” la piazza del Duomo e i monumenti che vi si trovano, grazie ancora una volta alla collaborazione con Rotelli.

Ed ora ha lanciato l’idea di raccogliere una vera e propria Photogallery dedicata all’evento, realizzata dai cittadini di Parma e dai tanti turisti e visitatori che in quei giorni di festività hanno potuto ammirare la piazza del Duomo in questa nuova veste, di luce e parole, e l’hanno immortalata con l’aiuto di fotocamere, tablet e cellulari.

Chiunque può partecipare inviando le proprie foto alla Gazzetta di Parma: verranno caricate in una photogallery e su questa pagina.

Guarda la Photogallery.

Per inviare le vostre foto, cliccate QUI oppure inviate una mail a sito@gazzettadiparma.net  L’iniziativa proseguirà fino al 31gennaio: e ci sarà un dono, che verrà fatto alla/e foto più bella/e scelte dallo stesso Marco Nereo Rotelli, che premierà il fotografo con un suo libro.

 

L’evento.

Dal 20 dicembre al 6 gennaio l’installazione dell’artista Rotelli, promossa da CePIM – Interporto di Parma, con il patrocinio di Comune, Provincia e Diocesi di Parma. L’inaugurazione tra musica, recitazione e una speciale performance dell’artista.

Un luminoso invito alla riflessione, nel periodo dell’anno tradizionalmente dedicato agli affetti e alla spiritualità.
Intende essere questo Clara Lux, l’installazione dell’artista internazionale Marco Nereo Rotelli, promossa e sostenuta da CePIM – Interporto di Parma, con il patrocinio di Comune, Provincia e Diocesi di Parma, che illuminerà le festività natalizie scegliendo la piazza del Duomo di Parma come suggestivo scenario di un messaggio di pace e di speranza.

Dopo il grande successo ottenuto lo scorso anno con l’installazione “Notti di luce”, che ridisegnò sempre nel periodo natalizio i volumi e i chiaroscuri del Palazzo della Pilotta, CePIM ha voluto così rinnovare la collaborazione con l’artista internazionale nel segno di un messaggio culturale che affascina ed emoziona, sorprende e induce alla riflessione.

“CePIM sceglie con questo evento di donare – ha commentato Luigi Capitani, amministratore delegato della Società – ancora una volta alla città di Parma, e ai tanti visitatori e turisti che ne percorreranno le vie nelle festività, un’occasione di arte e cultura, per un Natale di luci e parole ed un grande messaggio di speranza.
L’installazione sarà un luminoso invito alla riflessione, a ritrovare il senso di una festa che è innanzitutto solidarietà e condivisione. Il particolare effetto emozionale, inoltre, sarà rafforzato dai versi, proiettati sui muri del Duomo e del Battistero e sul selciato, della poesia “Alla vita” di Mario Luzi, a dieci anni dalla scomparsa.”

Scarica la e-card da QUI.

“La poesia “Alla vita” è un compimento giovanile del grande poeta fiorentino – ha spiegato Marco Nereo Rotelli – di incredibile profondità, ed è puntuale in un momento di così alta tensione tra le sponde del Mediterraneo nell’invitare al rispetto, alla dignità, al guardare il mondo con occhi nuovi, con purezza, con onestà.
La parola resa come arte rinnova il senso del periodo natalizio: non luminarie, ma pensieri luminosi a trasmettere il senso della vita. È un investimento sul contenuto e sullo stupore, inteso come forma di conoscenza. Lo stupore apre la mente e pone il soggetto in uno stato di massima recezione nel macrocosmo dell’installazione come pure nel microcosmo di una pagina”.

Ha portato il suo saluto alla presentazione il sindaco Federico Pizzarotti, che, sottolineando la scelta e volontà artistica di CePIM nel supportare questa iniziativa, ha detto “si tratta di una installazione che illuminerà le nostre serate natalizie, trasformando in luce i versi del poeta Mario Luzi in un luogo particolarmente intimo di Parma come è piazza Duomo. Un momento suggestivo, soprattutto nell’Anno del Giubileo”.

 

L’inaugurazione

L’installazione sarà inaugurata da un evento speciale, domenica 20 dicembre alle ore 19 in piazza Duomo, con una performance alla lavagna luminosa di Marco Nereo Rotelli, che per l’occasione ha creato un’inedita video-installazione dedicata alla luce. Un’introduzione dell’a.d. di CePIM Luigi Capitani, lascerà il posto all’attrice Federica Restani, che leggerà dal vivo alcuni brani poetici di Luzi sul sottofondo di musiche di Adrian Leverkuhn e Thomas Masters. Seguirà un brindisi offerto da “T Palazzo”, il locale nello storico Palazzo Rosa Prati che da sempre investe su arte e design presentando mostre di giovani emergenti.

Nelle sale del Palazzo Vescovile saranno inoltre esposte le poesie della raccolta “La barca”, scritte a mano da Mario Luzi nel 1935. Le preziose pagine sono concesse dal “Centro Studi Mario Luzi La barca” di Pienza.

Marco Nereo Rotelli, artista della luce, è noto per le spettacolari installazioni luminose create nelle capitali di tutto il mondo: da Parigi, al Petit Palais, a Chicago, al Field Musem, al Five Pavillion Bridge di Yangzhou in Cina, solo per citarne alcune. Trasformerà la piazza del Duomo di Parma in una pagina di poesia, giocando su luci e contrasti, chiaro e scuro, visione e immaginazione.

L’installazione è stata curata dal gruppo Art Project, di cui fanno parte gli architetti Elena Lombardi, Margherita Zambelli e Filippo Cavalli.

news-blank

Il jazz internazionale per inaugurare il Natale

Sabato 5 dicembre all’auditorium del Carmine il concerto “Bill Saxton & Marco di Gennaro Quartet feat. Greg Hutchinson”.

Un concerto che riunisce per la prima volta alcuni tra i più rappresentativi musicisti jazz internazionali per lanciare un messaggio di pace e di libertà.
È questo il tema che CePIM ha scelto per inaugurare le festività natalizie, portando a Parma – in collaborazione con la Fondazione Arturo Toscanini e con il patrocinio del Comune e della Provincia di Parma – una tappa dei tour internazionali degli artisti Bill Saxton, Greg Hutchinson e Marco Di Gennaro, figure di riferimento della scena jazz newyorkese ed internazionale.

Il concerto “Bill Saxton & Marco di Gennaro Quartet feat. Greg Hutchinson”, infatti, vedrà insieme sul palco dell’Auditorium del Carmine a Parma, sabato 5 dicembre alle ore 20.30, quattro artisti che contribuiscono a fare grande la storia del jazz nel mondo e a diffonderne le idee e i valori di libertà nel rispetto reciproco.

Il sassofonista di Harlem sarà accompagnato dal pianista italiano in un quartetto composto anche da uno dei più grandi batteristi al mondo, Greg Hutchinson, e dall’italiano Vincenzo Florio al contrabbasso.
Un ensamble che sta riscuotendo, nel tour in corso, un enorme successo di pubblico e di critica a livello internazionale. Si esibiranno in un concerto che ha l’obiettivo di fare scoprire e amare le sonorità del jazz e di contribuire allo sviluppo della tradizione.

CePIM ha scelto di aggiungere così una nuova via al suo personale contributo alla vitalità artistica e culturale del territorio, raccogliendo l’opportunità di portare in città una tappa del tour italiano degli artisti, che si riuniscono per la prima volta dopo molti anni.

“Suono con Bill Saxton ormai da 11 anni – ha commentato infatti il pianista Marco di Gennaro, romano di nascita e newyorkese d’adozione – al Bill’s Place, lo storico locale di Bill ad Harlem, e in giro per gli States. Ma quello che siamo riusciti a mettere insieme per questo tour è praticamente unico: Greg e Bill di nuovo insieme sullo stesso palco. Da anni stavamo provando a realizzare questo progetto ma, come spesso succede tra artisti, le disponibilità non coincidono. Greg e Bill si incontrarono ai tempi del liceo ma è destino, per i batteristi che suonano con Bill, che diventino famosi e, con gli impegni che si susseguono, non si riesce più ad incontrarsi. Questa volta ce l’abbiamo fatta.”

“Questo è il primo degli appuntamenti – ha spiegato Luigi Capitani, amministratore delegato di CePIM Interporto di Parma – pensati e voluti da CePIM per le festività natalizie. Sarà dunque un’occasione unica per ascoltare le sonorità e i virtuosismi di questi magnifici artisti. Quello di Parma è, infatti, uno dei pochi appuntamenti italiani in cui si potranno ascoltare brani dal repertorio di Frank Foster, Johnny Griffin, Freddie Hubbard e dal Great American Songbook, oltre che da quello degli stessi Saxton e Di Gennaro. Una musica che CePIM ha abbracciato e vuole proporre al pubblico parmigiano sull’onda dei valori e dei principi su cui si fonda il Jazz: una musica creativa, ma mai improvvisata”.

Il Jazz, infatti, come spiega lo stesso Di Gennaro non ha nulla di approssimativo: “L’improvvisazione è nata nel Quattrocento e musicisti successivi come Bach erano dei grandi improvvisatori. Il Jazz ha introdotto in questo solco la collettività. In realtà il jazz ha regole molto ferree e improvvisare insieme comporta l’essere in accordo. In questo accordo c’è la forma del brano, su cui ognuno ha la libertà di compiere sperimentazioni. Ma se non rispetti le regole, gli altri non hanno modo di sapere dove stai andando e tutto si perde. Il risultato allora sarà il caos”.

Leggi chi sono i musicisti da QUI.